Feed RSS

Led Zeppelin – Houses Of The Holy (Deluxe Edition)

Led Zeppelin – Houses Of The Holy (Deluxe Edition)

Il 28 marzo 1973 veniva pubblicato “Houses Of The Holy”, il quinto album dei Led Zeppelin. Questa è la recensione che scrissi per conto di AudioReview in occasione del piano di ristampa del catalogo Zep.

 

Led Zeppelin

Houses Of The Holy (Deluxe Edition)

Jimmy Page torna ad aprire lo scrigno musicale del Dirigibile: questa volta tocca a “Houses Of The Holy”, il quinto album, che all’epoca venne stroncato dai critici – per la verità, mai teneri con loro – e che ebbe il duro compito di fornire un seguito al grandioso “IV”. Difficile mantenersi all’altezza di un simile capolavoro: dopo il tour, Plant dovette farsi operare alle corde vocali e fu necessario uno stop forzato (da quel momento, la sua voce tenorile perse la sua parte più acuta), e la band ne approfittò per finire di scrivere il disco, il primo a contenere solo pezzi autografi.

Un vaso di coccio dall’anima d’acciaio, questo è ciò che si è rivelato con il passare degli anni: a partire da “The Song Remains The Same”, con quei vocals maniacali – probabilmente il cantato di Plant venne velocizzato per poter così raggiungere una tonalità più alta – il lavoro presenta delle Signore Canzoni (su tutte, l’agrodolce “The Rain Song”, il viaggio nel buio di “No Quarter”, entrambe dominate dalle tastiere di John Paul Jones, e la deliziosa “Dancing Days”) e alcuni divertissement (lo pseudofunk di “The Crunge”, un po’ tributo un po’ presa in giro di James Brown; la divertita “D’yer Maker”, già nel titolo, storpiatura cockney di “Jamaica”, omaggio alla patria del reggae) che forse furono responsabili delle accuse della stampa con la puzza al naso. “Houses Of The Holy” è stato ampiamente rivalutato e, anche se discontinuo, mostra chiaramente il talento di arrangiatore e compositore di Jones, qui finalmente riconosciuto (firma la metà dei brani assieme a Page e Plant) e un pugno di canzoni imprescindibili. La Deluxe Edition presenta un secondo disco con versioni di lavorazione, mix grezzi e curiosità assortite che solleticheranno il fan in cerca di una release ufficiale.

7,5

Pubblicato su AudioReview, novembre 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: